Il pugnale secondo Glock – Ars Venandi
Incidenti di caccia in calo del 33% rispetto alla passata stagione
4 Febbraio 2019
La paura dello sparo nel cane da caccia
4 Febbraio 2019
Mostra tutto

Il pugnale secondo Glock

Le pistole semi automatiche Glock, prodotte in 5800 unità al giorno, sono le armi corte più diffuse al mondo. Chiave del successo del noto marchio austriaco, è la sua filosofia costruttiva improntata sulla massima efficienza, affidabilità e sicurezza, non ultimo una eccellente economia d’acquisto.
Sulla base di questi requisiti, nasce il pugnale Glock FM 78, strumento in dotazione all’esercito austriaco e ad altre famose agenzie e unità speciali sparse in tutto il mondo.
I coltelli glock sono apprezzati per la loro straordinaria robustezza che permette un ampio range di applicazioni, cominciando da “coltello di pronto soccorso” all’interno della macchina (non in Italia però), utilissimo a caccia per via della lunghezza della lama e dalla sua larghezza che permette di sezionare gli animali abbattuti. La guardia protegge le mani contro gli incidenti e viene utilizzata anche per esercitare pressione con il pollice e per aprire bottiglie.
La lama da 16 cm trova alloggio in un fodero dotato di due semplici ed estremamente funzionali sistemi di ritenzione, il primo impedisce il rilascio accidentale della lama, il secondo vincola il fodero alla cintura. La lama è in acciaio al carbonio 1095 (55 HRC), il manico in un polimero decisamente confortevole e grippante. Disponibile in 4 colori: nero, verde, sabbia e grigio. Disponibile anche nella versione “81” che differisce solo per la sega sul dorso. Il Coltello Glock FM 78 è ideale per i cacciatori di cinghiali che possono tenerlo in cintura grazie all’ingegnoso quanto semplice sistema di ritenzione Distribuito da Bignami
www.bignami.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *