K-12 with hearing damage face boundaries individuals, claims new research
23 Gennaio 2019
Il tiro Long Range
24 Gennaio 2019
Mostra tutto

L’ultimo muflone del nord sardegna

L'ultimo muflone abbattuto nel nord Sardegna, foto di Vincenzo Carta

La storia dell’ultimo muflone del nord Sardegna è datato 1880 – 1890. Questo splendido animale era divenuto una vera leggenda: era infatti l’unico sopravvissuto ed era pertanto divenuto la preda più ambita da tutti i cacciatori. Chi per “balentia”, chi per vera passione venatoria, tutti desideravano catturarlo. La fortuna infine ha privilegiato il lavoro di questo cacciatore, fatto di lunghi appostamenti notturni e diurni, protrattisi per tantissimo tempo.

Andare incontro alla leggenda è bello per tutti, figurarsi per un cacciatore!

A quei tempi, caratterizzati da povertà e profonde restrizioni, la caccia al muflone era riservata a pochi privilegiati, che la praticavano con la sola tecnica dell’appostamento.

I cacciatori arrivavano dal continente per cacciare questa specie ed alle persone del posto, veri conoscitori del territorio, era riservato un semplice ruolo di accompagnatori. Entrambi ne traevano benefici: i primi potevano raccontare le loro avventure di caccia al rientro a casa, guadagnandosi una posizione di prestigio. Gli accompagnatori invece sfruttavano questa possibilità per trarne dei vantaggi economici: riuscivano ad ottenere qualche cartuccia in regalo e, con il compenso ricevuto riuscivano a sbarcare il lunario in tempi per la Sardegna davvero difficili, caratterizzati da serie restrizioni economiche e povertà diffusa.    

di Vincenzo Carta

L’ultimo muflone abbattuto nel nord Sardegna, foto di Vincenzo Carta

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *