Gli istriani del Grighine
15 Febbraio 2019
Beccaccia: al via i censimenti con i cani da ferma
16 Febbraio 2019
Mostra tutto

“La terra è di chi la lavora”

 

Questa interessante immagine è stata scattata nei primi del 900 nelle campagne di Thiesi. Il cacciatore in posa seduto era un giudice, ospite del Sig. Bassu, (in piedi) proprietario terriero stimato per la sua lealtà. Si racconta che quando ereditò una vasta tenuta la rifiutò dicendo “La terra è di chi la lavora”. Decise quindi di affidare la proprietà ai contadini che curavano quei terreni da anni. Immancabili le classiche doppiette a cani esterni Cal. 16 nonostante all’epoca, soprattutto i cacciatori agiati, iniziassero già ad utilizzare i primi fucili semi-automatici. All’epoca la caccia grossa veniva organizzata in piccole battute che coinvolgevano un numero ridotto di cacciatori. L’assenza di prede che caratterizza questa foto ci fa ipotizzare una battuta dagli esiti infruttuosi.

Contribuite alla raccolta fotografica “Uomini e cacciatori di Sardegna”. Per Info contattare Luigi Vincenzo Carta
Via Sulis 19 Thiesi (SS) Tel. 079 88 62 36 Cell. 338 98 67 558

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *