Segugi da soccorso in Sardegna. – Ars Venandi
Rassegna stampa Ars Venandi
16 Settembre 2010
RELAZIONE AL TESTO UNIFICATO N. 5-52-59
21 Settembre 2010
Mostra tutto

Segugi da soccorso in Sardegna.

Gli uomini del soccorso alpino coadiuvati dai cani Bloodhound arrivati dal Piemonte, sono sulle tracce dell’uomo scomparso nei giorni scorsi a Tortolì. I segugi hanno orecchie lunghe e naso finissimo, hanno seguito le tracce del disperso da Tortolì fino al bivio per Osini. Un percorso di quaranta chilometri individuato la notte scorsa dalle unità cinofile scortate da carabinieri e polizia. Il lavoro dei segugi è durato fin quando i cani, stremati, sono dovuti rientrare alla base. Il contributo dato dai bloodhound è stato fondamentale per indirizzare gli uomini del soccorso alpino sulla buona strada.

Il Bloodhound o Cane di Sant’Uberto (Chien de Saint Hubert) prende origine dal monastero omonimo, situato nella regione delle Ardenne (Belgio), in cui venne allevato a partire dal VII secolo quando, come vuole la leggenda, il nobiluomo François Hubert dai costumi di vita dissoluti, si convertì, divenne monaco e fondò l’abbazia. Per secoli il monastero costituì il centro di selezione della razza che è arrivata ai giorni nostri con caratteristiche morfologiche non molto dissimili da quelle originarie.
Il termine Bloodhound venne adottato in Inghiterra dove i cani giunsero al seguito di Guglielmo il Conquistatore (XI secolo). Qui la razza si diffuse notevolmente e venne particolarmente apprezzata dai monarchi e da tutta la nobiltà britannica. La Regina Elisabetta I, Giacomo I ed Enrico IV lo ricevettero in dono dai francesi.
Il nome Bloodhound starebbe a significare “cane da sangue” per la sua naturale capacità di seguire la traccia di un animale ferito, che e’ una delle sue specialità più tipiche. Alcuni sostengono invece che Bloodhound starebbe a significare “cane purosangue”. Un’ultima curiosità per così dire lessicale. Sembra che il celebre disegnatore Walt Disney si sia inspirato proprio al Cane di Sant’Uberto per creare il famoso “Pluto”.

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *