La nascita del genere “Canis” – Ars Venandi
Studio su fauna stanziale in Sardegna
11 Ottobre 2010
Un sardo ai mondiali S.Uberto
18 Ottobre 2010
Mostra tutto

La nascita del genere “Canis”

Le origini del cane, non sono ancora state accertate: ci sono solo tante ipotesi, basate per lo più sullo studio dei vari fossili rinvenuti finora, i più antichi dei quali ,risalenti a circa 60 milioni di anni fa.

(DALLA TESI DI DIPLOMA “I Discendenti del Canis Pugnax”,2007, Bernardino Deiana)

I primi Mammiferi che svilupparono le caratteristiche proprie dei Carnivori moderni risalgono al Paleocene (60 milioni di anni fa).

Si tratta dei Miacidi, piccoli cacciatori delle dimensioni di una donnola, che a differenza dei loro antenati, i Creodonti, svilupparono caratteristiche che permisero loro di stare al passo con l’evoluzione dei grandi Erbivori.

Svilupparono due coppie di ferini (sull’ultima coppia di molari), e un cervello più voluminoso di quello dei Creodonti, perchè la rapidità evolutiva delle loro prede richiedeva una maggior intelligenza nella caccia.

Presumibilmente durante l’Oligocene(circa 35 milioni di anni fa) avvenne la suddivisione delle famiglie degli attuali Carnivori; tra queste possiamo annoverare gli Arctoidi( antenati dei Canidi) e gli Aleuroidi( antenati dei Felidi).

Dagli Arctoidi si presume abbia avuto origine l’Hesperocyon (Cane Occidentale), il primo “Canide”, comparso per la prima volta nel continente nordamericano, dal quale, durante il tardo Miocene (10 milioni di anni fa circa) si originò il Tomarctus; questi viene considerato il diretto progenitore degli Ursidi,dei Procionidi e dei Canidi.

Dal Tomarctus si originò infine il Canis Etruscus, comparso in europa 2-3 milioni di anni fa,e che portò alla nascita del Lupo (canis Lupus),circa 750 mila anni or sono.

Bernardino Deiana

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *