I continentali italiani ed esteri – Ars Venandi
Beccaccia con crostini
18 Dicembre 2019
L’alimentazione del cane da caccia
18 Dicembre 2019
Mostra tutto

I continentali italiani ed esteri

Fanno parte di questa sezione tutti i Bracchi (cani a pelo corto come il Tedesco, l’Italiano, i Francesi, ecc.), i vari Grifoni (a pelo ruvido come lo Spinone Italiano e il Drahthaar, ecc) e gli Epagneul (a pelo lungo: Breton, Bleu de Picardie, ecc.).

Cani resistentissimi alla fatica, fra questi troviamo dei trottatori (Bracco Italiano e Spinone Italiano) e dei galoppatori (Epagneul Breton e Kurzhaar), i quali però non hanno un’ andatura così impetuosa come quella dei britannici; a differenza di Setter e Pointer, i continentali spaziano un po’ meno, lavorando in prossimità del proprietario e in piena sintonia con lui; sono adatti davvero ad ogni tipo di caccia e ambiente (soprattutto i cani tedeschi sono stati selezionati per la loro polivalenza: dalla beccaccia, alla volpe, fino al cinghiale), ma chiaramente a seconda delle caratteristiche fisiche quali la tessitura del pelo, sceglieremo il cane più adatto all’ambiente in cui viviamo e andiamo a caccia (i bracchi possono soffrire il freddo e le piaghe da decubito e possono temere i rovi, i grifoni e gli epagneul possono soffrire il caldo eccessivo, ecc ).

Sono solitamente dotati di un ottima predisposizione al riporto, anche se taluni possono essere un tantino restii a “lasciare”.

Cani dal carattere particolarmente forte come i Drahthaar e focosi come certi Breton possono talvolta manifestare il dente duro.

L’istinto alla ferma è solitamente ben radicato in loro, fin dalla più tenera età, anche se fra i Breton c’è ancora una certa fragilità nella ferma, non solidissima, ma la selezione degli ultimi anni sta migliorando anche questo aspetto.

La maggior parte ha un carattere docile ed è pronta a ubbidire e compiacere il conduttore: non per questo sono cani facili però: molte di queste razze hanno un carattere forte (vedi i tedeschi) e per collaborare in modo ottimale devono fidarsi ciecamente del conduttore e vederlo come una guida sicura e coerente, altrimenti prendono loro il controllo della situazione, con risultati immaginabili.

Sono adatti ad un proprietario che passi del tempo con loro: come ogni cane da ferma, anche i continentali necessitano di tanto moto e attenzioni.

Sono generalmente cani che tollerano bene (se correttamente impostata) una relazione di cieca, veloce e secca obbedienza, in quanto il loro scopo non è solo andare a caccia, ma andarci con il loro conduttore.

Se cerchiamo dei cani che spaziano dal conduttore, optiamo per gli inglesi: il continentale vuole coinvolgerci nella sua attività e vuole assicurarsi che noi gli stiamo dietro, non gli interessa andarsene a caccia per i fatti suoi!

 

di Bernardino Deiana, educatore cinofilo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *