Esito conferenza del Fronte Unitario Mobilitazione Cacciatori Sardi
3 Luglio 2013
Model783Crossfire 037513
La nuova carabina Remington 783
3 Luglio 2013
Mostra tutto

L’Associazione Recuperatori ANSHUSS

ass

assNasce nei primi mesi dell’anno 2012, da un confronto tra alcuni cacciatori l’Associazione Recuperatori  Anschuss ;

dopo alcuni Incontri fra amici, già nel 2011, viene sollevato un problema oggettivo….:”in Italia,  a quale struttura, Ente o Associazione, l’aspirante conduttore /possessore di cane, può appoggiarsi per ottenere consigli sul da farsi per una corretta educazione del cane da traccia?” Il neofita  non ha nessuna idea di chi possa in modo concreto e pratico dare  una mano nell’educazione del cane sia dal punto di vista dell’obbedienza, sia dal punto di vista della disciplina del lavoro su traccia, e a chi si può rivolgere ?….. Ecco quindi ,  dopo uno sguardo sul mondo dei recuperi , dopo un attento, scrupoloso e soprattutto obbiettivo controllo della reale situazione in Italia, ci si accorge che, nessuna associazione fin ora, ha pensato  al fatto che non sono i cani, magnifici protagonisti dell’azione di recupero, ad avere bisogno di aiuto, bensì i conduttori o aspiranti tali, i quali, se non sono supportati dalle esperienze dei recuperatori già abilitati ed esercitanti , tendono a commettere errori cosi grossi da inficiare qualsiasi ottima genetica e attitudine portata dal cane.

La scelta del nome e del logo dell’Associazione…

L’idea, emblema degli intenti, è quella di creare già nel nome stesso, un punto di partenza da cui ogni recuperatore , a  prescindere dalla razza scelta, deve necessariamente partire …

Il logo , una lunga ed un collare da traccia…. un indispensabile filo conduttore che ci collega al nostro ausiliare verso un fine comune: il recupero degli ungulati feriti con l’ausilio di cani preparati…

L’Associazione recuperatori Anschuss  traduce quindi l’esperienza acquisita negli anni sul campo da parte dei recuperatori esercitanti in validi e solidi consigli in supporto al corretto iter educativo dei conduttori per l’ottimizzazione dei cani impiegati nelle attività di recupero. 

Il consiglio direttivo, composto dai fondatori dell’ Associazione,  si impegna, con azioni di volontariato a cercare di  profondere le esperienze dei conduttori già esperti aderenti, in favore degli aspiranti senza imporre le proprie idee o la propria presenza.

Anschuss quindi, nasce semplicemente per supplire la totale mancanza di supporto ai nuovi recuperatori, senza alcuna presunzione di saccenza ma solo per affiancare chi abbia bisogno di un appoggio nel suo percorso formativo PRATICO indispensabile per ottenere una distribuzione sul territorio di recuperatori abilitati che abbiano, oltre alla loro indispensabile passione per il recupero, le basi corrette per sapere come  muoversi nelle più svariate situazioni di lavoro che andranno a compiere. Anschuss non si occupa della tutela delle razze dei cani riconosciuti al lavoro su traccia,… per questo esistono già le Società specialistiche e i vari club di tutela …. L’associazione è una ONLUS, quindi opera nel campo del volontariato senza fini di lucro.

ANSCHUSS…. UN PUNTO DI PARTENZA PER I RECUPERATORI !

La Filosofia dell’Associazione

All’interno della moderna concezione della caccia agli ungulati, anche il conduttore come il cane deve specializzarsi per poter intervenire come conduttore di cane da traccia per il recupero dei capi feriti. Denominatore comune di tutti queste “specializzazioni” deve essere (senza deroghe) l’educazione di base che trasforma l’apirante in conduttore abilitato, persona capace, formata che sappia intervenire per risolvere i problemi, ed il cane da un ausiliare dotato di grandi (ma generiche) doti potenziali, in un soggetto capace di contribuire al raggiungimento di comuni fini gestionali . Educare un cane ha pertanto uno scopo che va al di là del suo impiego in una specifica forma di caccia, così come va oltre la caccia in generale (pur essendone comunque base di partenza imprescindibile) .

Il cane da traccia appare come l’ausiliare più importante nel nuovo scenario venatorio, determinato dal forte incremento della caccia agli ungulati selvatici. Il prelievo venatorio degli ungulati è infatti lo sfruttamento razionale di una risorsa rinnovabile che è patrimonio della collettività;

risulta quindi indispensabile (per motivazioni sia di carattere etico che economico) recuperare il maggior numero possibile di animali eventualmente feriti nelle azioni di prelievo o in incidenti stradali avvalendosi di Binomi formati abilitati ed istruiti .

Il recupero dei capi feriti è quindi un elemento fondamentale ed imprescindibile di una seria e corretta gestione venatoria, mentre lo sviluppo dell’utilizzo dei cani da traccia (qualificato e qualificante) costituisce un indice di maturità e serietà dell’ambiente venatorio.

Per poter effettuare tempestivamente e correttamente il recupero, è necessario che in ogni ambito gestionale venga predisposto UNA STAZIONE DI RECUPERO con un numero sufficiente di nuclei di ricerca, costituiti da qualificati binomi i quali devono essere sempre pronti a rispondere alle chiamate dei cacciatori, che a loro volta devono necessariamente essere motivati ed educati a richiedere tali interventi

L’innumerevole casistica dei comportamenti dei capi feriti impone necessariamente che siano i recuperatori “esperti “ a cercare di trasmettere il loro bagaglio di esperienza poiché nessun libro o documento potrà mai fungere da “guida “ quando da soli sul territorio si cercherà di fermare un capo ferito

All’interno dell’associazione ci sono dei conduttori ormai con esperienza ventennale che hanno, per la pura passione del recupero, le capacità, la voglia e l’impegno, di aiutare chi si avvicina all’attività, senza alcuna presunzione, cercando semplicemente di trasmettere ai neocondutori, le loro esperienze , e sulla base anche degli errori fatti , cercare di crescere ulteriormente con i nuovi recuperatori.

L’Associazione , promotrice di numerosi eventi, si autofinanzia con l’adesione dei soci, e con la distribuzione di un Dvd dal titolo.. in traccia vol 1…

Questo dvd è un iniziativa concreta per cercare di far capire al mondo della caccia agli ungulati ,ai neofiti , o semplicemente a chi è appassionato di cinofilia, quale siano le basi per l’educazione del proprio cane da traccia .

È in preparazione il volume 2 che tratterà nel dettaglio l’educazione del caneda traccia razza per razza

Associazione Anschuss, anschuss33@gmail.com www.anschuss.org +393333079903 +393498671748 fax 0461945505

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *