Caccia notturna alla lepre – Ars Venandi
I° Trofeo Antonello Zucca
27 Settembre 2010
Caccia: cosa pensano gli italiani
1 Ottobre 2010
Mostra tutto

Caccia notturna alla lepre

GONNOSFANADIGA. Safari nella notte nella boscaglia per una facile battuta di caccia alla lepre. Quattro cacciatori di frodo sono stati intercettati dai carabinieri del paese mentre con un fuoristrada percorrevano gli sterrati in località “S’Isca” e dal veicolo in movimento (pratica venatoria assolutamente vietata) uno di loro sparava a colpo sicuro sui leprotti disorientati e paralizzati dalla luce dei fari e della potente torcia elettrica sovrapposta alla canna del fucile. Già sei capi di selvaggina erano stati abbattuti quando sono intervenuti i carabinieri. Il cecchino era Matteo Mocci 27 anni, di Gonnosfanadiga, l’unico a finire in manette con l’accusa di porto abusivo di fucile (il porto d’armi gli era stato sospeso), alterazione di arma e illecito esercizio della caccia. Sparava dal finestrino lato passeggero. I suoi tre compagni di battuta se la sono cavata con una denuncia in stato di libertà. L’arrestato è stato accompagnato ieri mattina dai carabinieri dal giudice monocratico per il processo con rito direttissimo: arresto convalidato e concessione dei termini a difesa, con udienza che si terrà martedì prossimo. I carabinieri, oltre al fucile, hanno sequestrato 23 cartucce calibro 12 a pallini, due fari muniti di congegno per l’applicazione alla canna del fucile e dispositivo di accensione a distanza, e ovviamente il carniere con le sei lepri appena abbattute. (l.on)

La Nuova Sardegna

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *